Traumi e lesioni muscolari nello sport

lesioni muscolari da sport ice-gel

Fare spesso attività fisica è importante per mantenersi in buona salute. Lo dice la medicina certo, ma è facile averne conferma impegnandosi con costanza in uno sport. Se si vuole intraprendere un’attività sportiva è bene però farlo in modo coscienzioso.

Alcune atleti scelgono di praticare uno sport a livello professionale sottoponendo il loro fisico a sforzi e sollecitazioni ripetute nel tempo. Altre persone, per mancanza di tempo e di organizzazione, si impegnano all’improvviso e a pieno ritmo in uno sport spesso senza la dovuta preparazione fisica.

Quando si pratica uno sport, ad ogni livello, il rischio di incorrere in lesioni e traumi muscolari è molto alto: il 10-30% di tutti i traumi sono infatti caratterizzati da lesioni muscolari.

Quando, durante un’attività sportiva, si verifica uno di questi traumi è necessario intervenire subito con del ghiaccio comprimendo l’area interessata. E’ bene poi valutare con un’ecografia l’entità della lesione nelle situazioni più gravi. Un aiuto in più per la riduzione immediata del dolore viene da Ice-Gel, un gel specifico studiato per il trattamento delle lesioni muscolari che, grazie alla sua fluidità, si assorbe in modo facile e rapido.

In questo genere di lesioni, che interessano soprattutto gli arti inferiori, il trauma può essere causato da fattori intrinseci:

– Il muscolo è stato sottoposto ad uno sforzo senza l’adeguato allenamento o riscaldamento
– Una precedente lesione trascurata ha indebolito il muscolo
– Un eccessivo allenamento ha affaticato il muscolo oltre misura
– La tensione psicologica e muscolare da gara mette a rischio il muscolo

Oppure da fattori estrinseci:

Agenti climatici esterni
Inadeguata situazione dell’ambiente in cui si pratica lo sport o scelta errata dell’attrezzatura

shutterstock_154445600

Inoltre il trauma può essere diretto, quanto è prodotto da un agente esterno che provoca la lesione di un certo numero di fibre muscolari in base alla forza dell’impatto, o indiretto, quando è l’atleta stesso a provocare la lesione come conseguenza del movimento effettuato.

Le lesioni muscolari possono essere suddivise in tre gruppi: contrattura, stiramento e strappo. Lo strappo a sua volta può essere di 1°, 2° o 3° grado.

In ognuno di questi casi gli effetti del trauma si manifestano con dolore nella zona dell’impatto e con un’ecchimosi. Questa, a sua volta, può diventare un vero e proprio ematoma come conseguenza del fatto che il muscolo è molto vascolarizzato.

E’ importante perciò avere cura del proprio corpo dedicandosi ad un’attività sportiva che aiuti a stimolare tutte le funzioni vitali e, perché no, a socializzare. Ma è anche sempre consigliabile prestare attenzione, seguire i tempi di allenamento che il nostro fisico ci suggerisce e dotarsi dell’attrezzatura adeguata.